RSS

Archivi categoria: Whisky da leggere

Montalban-Knockando: esperienza unica!

1462887_611809912212053_209627980_nIl 24 novembre, presso il ristorante “da Michele“, ci siamo incontrati per una serata a dir poco interessante. Avevamo anticipato tutto in un altro post, quindi non sveliamo nulla di nuovo, oggi, ma siamo qui per raccontare le impressioni di una serata fuori dalla norma (organizzata da SPIRIT OF SCOTLAND), in senso positivo, che ha saputo unire due mondi con estrema naturalezza: whisky e letteratura.

1467414_611808955545482_23359308_nMattatore (e promotore) della serata, il sempre ottimo Pino Perrone, che sin dall’inizio ci svela gli intenti dell’evento: un omaggio allo scrittore Manuel Vazquez Montalban, autore che ha contribuito (nel suo caso) a far nascere l’amore per i single malt. Una lunga introduzione sull’autore (lunga ma mai noiosa, perché arriva tutta la passione di Pino, che è coinvolgente), sulla vita e le relazioni letterarie. E scopriamo come il whisky principe della serata, Knockando, sia proprio uno dei preferiti del protagonista dei romanzi di Montalban (dal nome dell’autore veniamo a sapere derivi anche il personaggio di Camilleri: una serata ricca, lo abbiamo detto). Il lungo percorso culmina con la degustazione vera e propria, gestita da Pino insieme a Franco Gasparri (al pari di Pino Perrone, capace di calamitare l’attenzione, mantenendo alto l’interesse di tutti), Master Ambassador della DIAGEO, proprietaria della distilleria. Ma non c’è degustazione degna di questo nome se insieme a degli ottimi whisky non si accompagna il giusto piatto. Così, attingendo alle ricette dello stesso Montalban, dal libro “Ricette Immorali“, ecco che dalla narrativa passiamo senza rendercene conto a una squisitissima cena.

Ecco, nell’ordine, gli whisky in degustazione e le relative portate: Read the rest of this entry »

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 5 dicembre 2013 in Eventi, Whisky da leggere

 

Tag: , , , ,

Malt Whisky Yearbook 2014: l’Italia c’è!

Schermata 2013-10-13 alle 11.55.32Abbiamo ricevuto in anteprima qualche notizia niente male sul nuovo Malt Whisky Yearbook. Quest’anno, infatti, c’è un po’ pi d’Italia, e questo non può che farci piacere. Prima di tutto c’è PUNI, la nostra (perdonatemi il “nostra”, eh), che di diritto entra nel mondo del whisky, portando avanti un progetto di alta qualità, serio, con passione e gestito da persone determinate e anche molto gentili, debbo dire. PUNI finalmente si affianca all’altra nostra produzione, quella degli imbottigliatori indipendenti che hanno sempre tenuto alta la bandiera italiana: Samaroli, Silver Seals, Wilson & Morgan, High Spirits

E l’altra sorpresa è il faccione sorridente dell’amico Davide Terziotti, una delle persone più competenti in assoluto sul mondo del whisky, non solo in Italia, sia chiaro. Grande soddisfazione per lui comparire nelle pagine dell’annuario per parlare del fenomeno whisky nel nostro paese. Per un articolo dettagliato vi rimandiamo proprio alle pagine del suo sito, dove Davide ha già parlato approfonditamente di questa meravigliosa esperienza.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 ottobre 2013 in Notizia, Whisky da leggere

 

Tag: , , , , ,

International Whisky Day 2013

WhiskyDayIl 27 marzo 1942 nasceva Michael Jackson. E se siete su questo sito immagino che nessuno di voi stia pensando al cantante, ma allo scrittore e giornalista inglese che gran parte della sua vita ha dedicato al mondo della birra e del whisky. E così oggi si festeggia questa ricorrenza con la quinta edizione dell’International Whisky Day, proprio per ricordare un personaggio particolare che tanto ha dato per diffondere la conoscenza e la passione (vi ricordo che Jackson è morto il 30 agosto del 2007).

Ma cosa significa partecipare attivamente a questa ricorrenza? A dire il vero non c’è un protocollo particolare, ma solamente una necessità: bere whisky. Quindi non dobbiamo fare altro che onorare questa ricorrenza con un buon dram. Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su 27 marzo 2013 in Notizia, Whisky da leggere

 

Tag: ,

Whisky, di Charles MacLean (Mondadori, 2009)

L’abbiamo fatto poco, finora, soprattutto per mancanza di tempo, ma adesso è ora di iniziare a integrare le nostre pagine anche con qualche segnalazione di libri dedicati al mondo del Whisky. Nei mesi passati abbiamo parlato della rivista Fine Spirits e della “Bibbia” di Jim Murray. Oggi vogliamo segnalare un bel libro edito da Mondadori. Il libro porta la firma di Charles McLean e si intitola semplicemente “WHISKY“.

Un manuale completo, ricco di immagini, in una edizione ben fatta che si fa apprezzare per il numero molto alto di informazioni, magari non sempre complete, però molto dettagliate. All’inizio un po’ di storia, qualche parola (e qui avremmo voluto che si andasse maggiormente nel dettaglio) sui metodi di produzione del distillato, poi l’elenco delle distillerie suddivise per area geografica (e non manca davvero niente, visto che dalla Scozia si passa all’Irlanda, agli USA, il Canana, il Giappone, il resto dell’Asia e dell’Europa). Read the rest of this entry »

 
3 commenti

Pubblicato da su 19 novembre 2012 in Whisky da leggere

 

Tag:

Jim Murray’s Whisky Bible 2013

In qualche modo ogni anno l’uscita del volume di Jim Murray è un evento destinato a far parlare. Non solo per i numerosi whisky recensiti, ma per quei voti e quelle classifiche che trovano d’accordo qualcuno, meno qualcun altro, come il premio assegnato lo scorso anno all’Old Pulteney 21 yo. Da pochi giorni è disponibile la “Bibbia” versione 2013 e quest’anno immaginiamo che farà discutere ancora di più. Infatti il primo premio è stato assegnato un po’ a sorpresa a un Rye Whisky: Thomas H. Handy Sazerac Rye (128.6 proof). Insomma, non un single malt scozzese, come ci si poteva aspettare. In scozia, dopotutto, vince il Ballantine’s 17 yo, che oltre a lasciarsi alle spalle tutti i single malt, si aggiudica anche il terzo posto assoluto, dietro a un altro “americano”, vincitore tra i bourbon e secondo classificato per quest’anno: William Larue Weller (133.5 proof). Insomma, molto su cui discutere, visto che il Single Malt of the year è l’Ardbeg Day, che non ha entusiasmato molto. E ancora il Glen Glant 10yo nella categoria “giovani”. Menzioniamo con piacere il Lagavulin 12 yo nella categoria 11-15 yo (multiple casks). Per il resto, lasciamo a voi il gusto della scoperta. Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su 12 ottobre 2012 in Notizia, Whisky da leggere

 

Tag:

Fine SPIRITS #3

Qualche tempo fa abbiamo già parlato di Fine SPIRITS. E oggi ci risiamo. Esce in fatti proprio in questi giorni il numero tre della rivista dedicata al mondo del whisky, del rhum e distillati vari. E ancora una volta per leggerla dovremo cercare il numero in edicola di Spirito di Vino. Infatti il numero 3 di Fine SPIRITS lo trovate allegato all’uscita n. 61 (Agosto/Settembre) della rivista dedicata al mondo del vino. Mondo che, qui in Italia, tira decisamente di più.

Ancora molti articoli interessanti, come per il numero precedente, tradotti e offerti al pubblico italiano (dalla penna di David Broom e Dominic Roskrow). Lo stesso Broom, tra l’altro, proprio nei prossimi giorni sarà presente al Whisky Live, a Parigi, dove tra le altre cose sarà impegnato a presentare una interessantissima degustazione di Laphroaig. Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su 6 settembre 2012 in Whisky da leggere

 

Fine Spirits #2 – Whisky in edicola

Spirito Di VinoCominciamo a dare un senso a queste pagine, con qualche notizia. Dopo il messaggio di benvenuto questo è il primo post che non sia di semplici saluti. Entriamo subito nell’argomento, quindi! Proprio in questi giorni è in edicola il numero 49 della rivista Spirito Di Vino (aprile/maggio 2012) ed insieme potrete trovare il numero 2 di Fine Spirits, una rivista dedicata proprio al whisky e a qualche cuginetto affine (il Rum, per esempio). Una cosa piuttosto rara, visto che in Italia non abbiamo una tradizione molto forte da questo punto di vista, e infatti molti degli articoli non sono altro che traduzioni da riviste ben più note (soprattutto francesi e inglesi). Non mancano però interventi nostrani, con la speranza che questa iniziativa possa assumere poco alla volta l’autonomia che merita. Questo probabilmente dipende anche da noi amanti del whisky, perché tutto è determinato dalla richiesta e dall’interesse. Staremo a vedere, insomma. Nei prossimo giorni cercheremo di recensire questo secondo numero di Fine Spirits, per raccontarvi qualcosa di più.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 marzo 2012 in Whisky da leggere

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: