RSS

Archivi categoria: Recensione

Talisker Storm (45,8%, OB 2013)

talisker stormAvevamo promesso alcune impressioni su diversi whisky, ultimamente, e oggi siamo qui per parlare di uno dei due Talisker che hanno preso possesso di uno spazio nelle nostre vetrine: Talisker Storm (Ma parleremo anche del Port Ruighe). C’è stata una buona campagna di propaganda, per lanciare questo prodotto, anche se a dire il vero Talisker la propaganda migliore l’ha fatta nel corso degli anni, mettendo in fila una serie di bottiglie sempre di altissimo livello. Talisker non sbaglia mai. Quante volte lo abbiamo sentito dire? Questa è la migliore pubblicità. E così, abbiamo aperto lo Storm con un carico di fiducia, anche se questa nuova linea, che un po’ ci fa pensare alle recenti produzioni no age di Ardbeg, un po’ ci ha fatto pensare. Un whisky giovane, senza dubbio, ma con un nome importante, d’impatto. E se Talisker non sbaglia mai, allora… Read the rest of this entry »

 
4 commenti

Pubblicato da su 3 novembre 2013 in Recensione

 

Tag:

Jameson Select Reserve

jameson_select_reserve_CarouselOgnuno passa il giorno di Pasqua a modo suo, così noi ne approfittiamo per parlare di whisky, visto che ieri sera, tra un po’ di scrittura e di musica abbiamo avuto l’occasione di bere un Irish Whisky interessante: Jameson Select Reserve. Questo grazie ai mille incontri che facciamo di solito, tra un Festiva e l’altro. A Roma, infatti, durante la due giorni di Spirit of Scotland, abbiamo avuto il piacere di scambiare dram e opinioni con Simone Greene, simpatica Brand Ambassador Jameson. E se oggi ne parliamo è perché ci è piaciuto davvero e valeva la pena presentarlo anche a tutti voi. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 marzo 2013 in Recensione

 

Tag: , ,

Mackmyra Moment Solsken (52,6%)

MomentSolsken_frilagdLa passeggiata al Whisky Live a Parigi ci ha permesso di fare la conoscenza con l’ottimo whisky svedese Mackmyra e con Angela D’Orazio, Master Blender di chiare origini italiane. Oggi vi presentiamo un prodotto esclusivo, in serie più che limitata (non per far decollare i prezzi, anzi, ma semplicemente per il carattere unico di questo prodotto), che prende il via proprio da un’idea di Angela. La serie Moment, infatti, nasce dalla possibilità di sfruttare botti particolari, che nella produzione dei prodotti base avrebbero dato meno del loro carattere, mentre utilizzate per questi prodotti di “nicchia” ha permesso di caratterizzare con gusto alcuni prodotti unici. Ecco come sul sito ufficiale viene presentata la serie: Mackmyra Moment is a series of whiskies from our most exclusive casks, handpicked by Master Blender Angela D’Orazio. Each edition comes in a distinguished black carton with a specific colour scheme and a modern bottle design with an engraved metal plaque. Since the number of casks per bottling are so few, the editions in the Moment series are very limited. Read the rest of this entry »

 
1 Commento

Pubblicato da su 24 gennaio 2013 in Recensione

 

Tag: , ,

Aultmore 20yo “Sherry Wood” butt #2683 (Wilson & Morgan)

imageTorniamo a parlare di Wilson & Morgan, con una bottiglia interessantissima e particolare: Aultmore Twenty Years Old (“Sherry Wood”, butt #2683). Un whisky dello Speyside (regione con il massimo concentrato di distillerie), dalla lunga storia, non sempre lineare. La distilleria Aultmore nasce nel 1895, quando Alexander Edward (nome legato a molti altri simboli del whisky: Craigellachie, Benrinnes, Oban) fondò la distilleria nelle vicinanze della cittadina Keith. L’intenzione era quella di produrre whisky per i blend, ma prima un tragico fallimento (Pattison) poi la Grande Guerra hanno reso difficili il futuro di questo nome. A oggi, nelle mani della John Dewar & Sons, Aultmore perlopiù continua a vendere il suo prodotto agli altri, e si riserva qualche imbottigliamento tutto suo. Ancora una volta, con il solito piacere di andare a selezionare solo ottime botti, in quel di Keith sono arrivati quelli della W&M e si sono portati a casa un qualcosa di veramente speciale.

Versando nel bicchiere questo Aultmore la prima cosa che ho detto, senza pensare, è stata “mandarino“. Poi sono arrivati altri sentori di frutta, e una sensazione vinosa che ben si è amalgamata agli aromi. Read the rest of this entry »

 
2 commenti

Pubblicato da su 17 gennaio 2013 in Recensione

 

Tag: , , ,

Ballantine’s 17 yo (43%)

ballantines%2017Ci sono nomi che hanno fatto la storia, ma non solo. Nomi che se vai in giro capisci che rappresentano qualcosa. Vale anche nel mondo del whisky. E ovunque tu vada, dicendo Ballantine’s non dici una cosa qualunque, dici “Whisky”, in modo chiaro, univoco. In Italia, poi, insieme ad altri 2/3 prodotti, non c’è bar che non abbia una bottiglia di Ballantine’s Finest sulle proprie mensole. Perché il nome, a volte, è davvero tanto importante. Oggi abbiamo bevuto per voi (si fa per dire) un vero gioiello, un blend che non solo ha il nome dalla sua, ma anche il gusto (e i premi vinti ne sono valida testimonianza): Ballantine’s 17 yo (Pernod Ricard).

E come iniziare a parlare di questo blend se non ricordando che proprio un anno fa è stato premiato da Jim Murray (nella celebre Whisky Bible, ed. 2011) il miglior prodotto dell’anno? Non trai blend, ma tra tutte le categorie. Ora, per quanto le classifiche siano altamente personali, è chiaro che mettere dietro di sé migliaia di whisky non è record da poco. Un blend al quale ci si avvicina quindi con grandi aspettative, per la storia, per i premi. Read the rest of this entry »

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 gennaio 2013 in Recensione

 

Tag: , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: